sabato, 22 febbraio, 2020
Ultime notizie
Home » Comunicazione & Stampa » Il libro è morto? No!
Il libro è morto? No!

Il libro è morto? No!

Continuiamo il nostro viaggio nel territorio di confine tra stampa digitale, stampa tradizionale e nuova editoria analizzando alcuni segnali in controtendenza riguardo ai libri cartacei.

Il libro: dall’analogico al digitale, e ritorno?

Se la copertina ha dalla sua l’essere accattivante dal punto di vista visuale, il libro stampato ha tutta una serie di caratteristiche, ovviamente “analogiche”, che lo rendono (ancora, è ormai forse il caso di dire) unico e insostituibile.

Quali sono alcune di queste caratteristiche?

Cominciamo da quelle oggettive: se è vero che l’ebook ha dalla sua la capacità di contenere in poco spazio anche migliaia di volumi (e virtualmente infiniti volumi, se l’ebook è direttamente collegabile a internet), è pur vero che quel “poco spazio” è assolutamente rigido. Poco ma sicuro: a un ebook non si fanno le “orecchie” e non lo si arrotola! E, tantomeno, si “spegne” 😉

libro contro ebook

 

Inoltre: la stampa è un settore tecnologicamente vivissimo. Avvalendosi del digitale, certamente, ha reso i suoi processi più lineari e meno costosi e grandi aziende stanno sviluppando sistemi sempre più integrati ed economici. È il caso per esempio, della Kodak che, abbandonato il mercato “consumer” e della fotografia digitale in particolare si sta concentrando su tecnologie di stampa sul lato business (potete approfondire leggendo qui sulla Stream Inkjet Technology appunto di Kodak).

Lo sharing è digitale ma la lettura è analogica?

Un altro aspetto importante nel rapporto tra mondo digitale e stampa analogica è che, soprattutto per quanto riguarda il fenomeno della autopubblicazione, i social network e il self branding aiutano sì a farsi conoscere come autore (e talvolta sono il trampolino di lancio verso una casa editrice), ma il libro autoprodotto è stampato, eccome! E magari arricchito da autografo con dedica e segnalibro personalizzato.

Il futuro ibrido della stampa e dei libri stampati

Il libro stampato, quindi, è tutt’altro che morto. L’impatto emotivo di una stampa fotografica non è ancora stato raggiunto dal suo corrispettivo digitale e la “pagina” mantiene non solo il suo fascino, ma alcune caratteristiche assolutamente fisiche che la faranno arrivare almeno fino alla prossima “rivoluzione”.

Immagine: flickr.

Biografia Massimiliano Roveri

Massimiliano "Q-ROB" Roveri scrive per, su e di Internet dal 1997. Laureato in filosofia e prestato al mondo IT blogga, condivide (e insegna a bloggare e condividere) tra l'Irlanda e l'Italia.

Lascia il tuo Commento: Discutiamone!

Loading Facebook Comments ...

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.