16.7 C
Torino
mercoledì, Giugno 3, 2020

Il libro è morto? No!

Continuiamo il nostro viaggio nel territorio di confine tra stampa digitale, stampa tradizionale e nuova editoria analizzando alcuni segnali in controtendenza riguardo ai libri cartacei.

Il libro: dall’analogico al digitale, e ritorno?

Se la copertina ha dalla sua l’essere accattivante dal punto di vista visuale, il libro stampato ha tutta una serie di caratteristiche, ovviamente “analogiche”, che lo rendono (ancora, è ormai forse il caso di dire) unico e insostituibile.

Quali sono alcune di queste caratteristiche?

Cominciamo da quelle oggettive: se è vero che l’ebook ha dalla sua la capacità di contenere in poco spazio anche migliaia di volumi (e virtualmente infiniti volumi, se l’ebook è direttamente collegabile a internet), è pur vero che quel “poco spazio” è assolutamente rigido. Poco ma sicuro: a un ebook non si fanno le “orecchie” e non lo si arrotola! E, tantomeno, si “spegne” 😉

Libro vs ebook

Inoltre: la stampa è un settore tecnologicamente vivissimo. Avvalendosi del digitale, certamente, ha reso i suoi processi più lineari e meno costosi e grandi aziende stanno sviluppando sistemi sempre più integrati ed economici. È il caso per esempio, della Kodak che, abbandonato il mercato “consumer” e della fotografia digitale in particolare si sta concentrando su tecnologie di stampa sul lato business (potete approfondire leggendo qui sulla Stream Inkjet Technology appunto di Kodak).

Lo sharing è digitale ma la lettura è analogica?

Un altro aspetto importante nel rapporto tra mondo digitale e stampa analogica è che, soprattutto per quanto riguarda il fenomeno della autopubblicazione, i social network e il self branding aiutano sì a farsi conoscere come autore (e talvolta sono il trampolino di lancio verso una casa editrice), ma il libro autoprodotto è stampato, eccome! E magari arricchito da autografo con dedica e segnalibro personalizzato.

Il futuro ibrido della stampa e dei libri stampati

Il libro stampato, quindi, è tutt’altro che morto. L’impatto emotivo di una stampa fotografica non è ancora stato raggiunto dal suo corrispettivo digitale e la “pagina” mantiene non solo il suo fascino, ma alcune caratteristiche assolutamente fisiche che la faranno arrivare almeno fino alla prossima “rivoluzione”.

Immagine: flickr.

- Advertisement -

Altri Articoli

Lascia il tuo Commento: Discutiamone!

Loading Facebook Comments ...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

Ultimi articoli

Tovagliette di carta personalizzate: 10 idee per un ristorante

Le tovagliette di carta personalizzate sono una valide alternativa alle più classiche tovaglie in stoffa. Esse rappresentano un modo per apparecchiare i tavoli di ristoranti, bar e pub in...

Perché investire ancora sulla stampa di roll-up personalizzati?

Al giorno d'oggi è fondamentale promuoversi online Oggi Internet è presente in ogni ambito della nostra vita perciò, per un’azienda, è fondamentale promuoversi online con...

Storia del Messaggio Stampato: Comunicazione e Stampa

Da Gutenberg alla tipografia moderna: evoluzione dei messaggi affidati alla stampa Risale a metà del Quattrocento la prima stampa a caratteri mobili, progenitrice della tipografia...

Stampa grandi formati: differenza tra manifesti e poster da interno

La stampa grandi formati non è pensata solo per l’esterno: se fuori si vedono infatti cartelloni pubblicitari e manifesti elettorali, in casa, negli uffici...

Stampa calendari online: fai gli auguri in un modo originale

Un gadget utile da regalare ai clienti? Scegli un calendario personalizzato State pensando alla stampa online di gadget aziendali per Natale? La scelta migliore dal...
Massimiliano Roverihttp://italish.eu
Massimiliano "Q-ROB" Roveri scrive per, su e di Internet dal 1997. Laureato in filosofia e prestato al mondo IT blogga, condivide (e insegna a bloggare e condividere) tra l'Irlanda e l'Italia.